Conoscere la Superba in poche ore è impossibile ma si può almeno provare ad imparare i titoli dei suoi principali capitoli.

Pronti, partenza, via Balbi 38: casa.
Ad un passo dalla Stazione del Principe e dal centro storico l’Ostello Bello di Genova è il punto di partenza per questo tour. Uscendo dall’uscio dell’Ostello gira a destra e procedi verso il centro.

Reception Ostello Bello Genova

Reception Ostello Bello Genova

In via Balbi, “Strada delli Signori Balbi”, ci sono una marea di palazzi molto belli, primo tra tutti il Museo di Palazzo Reale: 1700, totalmente affrescato e stuccato, ricco di dipinti e statue, conserva ancora tutto l’arredamento originale. Se sei fan della Principessa Sissi qui impazzirai per cotanto barocco.

Poco prima dell’unità d’Italia il palazzo venne acquistato dai Savoia che contribuirono a renderlo ancora più eclettico e stupefacente, per poi donarlo nel 1919 al demanio dello Stato e trasformalo nel Museo che conosciamo ora.
Consiglio: cammina sempre con la testa all’insù, i soffitti sono tutti wow.

Museo di Palazzo Reale

Museo di Palazzo Reale

Via Balbi non è ancora finita e sei già pronto ad entrare in un altro luogo clamoroso: Palazzo Balbi Senarega.
Se avessi dubbi su chi siano ti basterà sapere che i Balbi stanno a Genova come i Medici a Firenze. Il palazzo è molto grande, tant’è che una parte è diventata sede dell’università (a chiunque verrebbe voglia di iscriversi qui, anche solo per godersi la magnificenza di questo posto).

Cose da non perdersi: il Giardino e la Grotta del Ninfeo, la Galleria del Ratto di Persefone e la Sala del Carro del Tempo.

Palazzo Balbi Senarega

Palazzo Balbi Senarega

Procedi poi verso il porto passando da Via delle Fontane e Porta Vacca.
Arrivando da questo lato ti troverai di fronte al mare e a tutto ciò che di marittimo la tua testa può pensare: gabbiani, pesce, vento.
In 500 metri puoi trovare il Porto Antico, il Vascello Neptune (visitabile anche all’interno), l’Acquario (per prendere 30 all’esame è fondamentale) e il Bigo. Se il tempo è bello concediti un po’ di tempo per respirare il profumo del mare e berti un caffè sul molo.

Porto Antico

Porto Antico

Vascello Neptune

Vascello Neptune

Acquario Genova

Acquario di Genova

Bigo

Bigo

Tornando verso la città e passando sotto il Ponte Monumentate ti ritroverai di fronte a Palazzo San Giorgio: riconoscerlo è facile perché non esiste nulla di così colorato attorno. È uno dei più antichi della città, costruito a metà 1200 per ospitare il potere civile, ben distinto da quello religioso, insediato presso San Lorenzo.

Palazzo San Giorgio

Palazzo San Giorgio

Prosegui ora verso la Chiesa di Santa Maria di Castello.
L’ingresso è gratuito e un simpatico gruppo di vecchietti è disponibile a mostrarti tutte le cose strane di questa antica chiesa. Costruita sulla collina che ospita la nascita di Genova, questa chiesa è uno dei primi luoghi di culto della città (658). Di tradizione Domenicana, il complesso è stato un importante polo culturale e nel corso degli anni gli artisti e pensatori che si sono formati qui ne hanno cambiato l’aspetto. Ai lati delle navate secondarie sorgono adesso diverse cappelle di grandi famiglie genovesi che stupiscono per la loro diversità e ricchezza.

L’interno è ricco di porte segrete e mentre cammini non puoi fare altro che pensare “Esiste qualcos’altro?” e la risposta è sì.
Attraversando una di queste porte incastonate in un normale armadio si accede ad un corridoio e a delle scale che portano a 3 chiostri. Ecco, qui preparati a piangere perché quello che ti si parerà davanti è indescrivibile.

Chiesa Santa Maria Di Castello

Chiesa di Santa Maria Di Castello

Dopo tanta commozione un caffè è probabilmente quello che ti ci vuole, per cui vai in direzione dei Giardini Luzzati, acquista un po’ di focaccia e siediti nei tavolini sopra all’antico Anfiteatro romano.

Giardini Luzzati

Giardini Luzzati

 

Ecco la mappa che ti guida da Ostello Bello Genova ad una buonissima e meritatissima focaccia genovese:

Genova Mappa Tips

 

Ciao!

Ci trovi anche su