Non c’è modo migliore di conoscere un popolo se non visitando i luoghi in cui la sua cultura nasce, si alimenta e si incontra. Visitare i mercati del Myanmar non vuol dire fare la spesa, vuol dire conoscere le abitudini di persone completamente diverse da noi e immergersi in un mondo (ancora incontaminato dai turisti) dove i forti odori dei prodotti agroalimentari, i vivacissimi colori dei tessuti e le voci delle persone ti abbracciano e ti incantano al punto da farti venire voglia di iniziare a mangiare pesce essiccato e aglio a chili anche a te.

I mercati sono solitamente suddivisi in tre aree: una dedicata al cibo, una dedicata ai prodotti tessili/manufatti e una dedicata ai fiori. Questo non esclude il fatto che si possano trovare anche mercati dedicati solamente a una delle tre aree. Comunque, a prescindere da cosa offre, il mercato è un’esperienza magica.

I prodotti che vanno per la maggiore sono sicuramente aglio, cipolle e simili, il pesce essiccato e il riso. Per quanto riguarda il riso, ci sono banchi e banchi dedicati, almeno una decina di qualità differenti e delle simpatiche persone che proveranno a spiegarvi le differenze. Potete approfittare di una gita al mercato per comprare la Thanaka, la loro radice dalle mille risorse. Ma in realtà è inutile che vi preannunciamo cosa potrete trovare o cosa no, scopritelo da soli e poi fateci sapere cosa vi ha emozionato di più!

 

Ci trovi anche su